Marzo 2012 – Brevi & Brevissime

sabato 31 marzo 2012 - 20:00 - Brevi & Brevissime

Marzo 2012 - Brevi & BrevissimeMitsubishi Riorganizza Il Fotovoltaico
Mitsubishi Electric ha avviato la riorganizzazione del settore fotovoltaico, in particolare, il piano ne prevede l’accorpamento alla divisione climatizzazione che ha già una consolidata struttura organizzativa, con canali commerciali già definiti per clienti sia residenziali che per la piccola/media impresa che per la grande industria.

Il Prezzo Del FotoVoltaico
da SolarBuzz.com i dati statistici sui prezzi dell’energia fotovoltaica; prezzo di 1 kWh (prodotto con impianti di taglia 500 kWp), costo degli impianti (per gli USA in $/Watt picco, per l’Europa in euro/Watt picco) e dei più bassi prezzi dei moduli (monocristallino, policristallino, a film sottile), e degli inverter di rete. tra parentesi la variazione sul mese scorso:

prezzo di 1 kWh da fotovoltaico (industriale):
• in giornata soleggiata: 0,1515 $ (-0,0006)
• in giornata nuvolosa: 0,3332 $ (-0,0014)

• costo dell’impianto (Europa): 2,29 €/Wp (+0,01)
• costo dell’impianto (USA): 2,17 $/Wp (-0,13)
• costo modulo monocristallino: 0,81 €/Wp (-0,10)
• costo modulo policristallino: 0,78 €/Wp (-0,04)
• costo modulo film sottile: 0,62 €/Wp (-0,00)

• costo inverter di rete: 0,526 €/Wp (-0,014)

EcoLamp, I Dati Sul Riciclo Delle Lampade A Basso Consumo
ogni anno in Italia vengono immesse sul mercato 120 milioni lampade a basso consumo, queste contengono elementi molto tossici e pericolosi, ma sono riciclabili al 95%, è quindi fondamentale garantirne un corretto smaltimento, sia per evitare l’inquinamento ambientale, sia per recuperare materie prime importanti.
i dati per quanto riguarda la raccolta differenziata delle sorgenti luminose sono positivi, nel 2011 infatti, il consorzio Ecolamp ha raccolto oltre 1.460 tonnellate di lampade a basso consumo, con un incremento di 200 tonnellate sul 2010 e di 600 tonnellate sul 2009, per un totale di 3.500 tonnellate in 4 anni.
per il 2011, Ecolamp ha potuto recuperare così 1.200 tonnellate d ivetro, 120 tonnellate di mercurio e altri materiali pericolosi, 79 tonnellate di metallo e 19 tonnellate ti plastica.
al risultato hanno contribuito in maniera sinergica il Consorzio, i produttori, i venditori e gli installatori, e i cittadini.

articoli correlati:
Febbraio 2012 – Brevi & Brevissime
Gennaio 2012 – Brevi & Brevissime
Dicembre 2011 – Brevi & Brevissime
Novembre 2011 – Brevi & Brevissime
Ottobre 2011 – Brevi & Brevissime

Commenti Non Permessi.






Segnala Questo Articolo: